Lungo il tratto occidentale delle vecchie mura: piazzetta delle Stoviglie e via Paladini

Facebooktwittergoogle_plusby feather
Foto centro Empoli 017
Piazzetta delle stoviglie

A seguito del progressivo abbattimento del tratto occidentale dell’ultima cerchia muraria a partire dagli anni ’30 dell’Ottocento, l’area in prossimità della perduta Porta Fiorentina è oggetto di un’attenta riqualificazione, che vede coinvolto non solo il ‘campaccio’ fuori le mura (futura piazza della Vittoria), ma anche lo spazio urbano del centro storico.

Con la demolizione di un antico fabbricato parallelo alla via dello Spedale (odierna via Paladini) e prospiciente via Ferdinanda (ora via Giuseppe Del Papa) fu creata la piccola piazza detta delle stoviglie che, come indica il nome, fu destinata a sede del mercato settimanale delle stoviglie (fin dal 1824, secondo Bini) ma anche della frutta e verdura. Il regolamento di polizia municipale del 1867 autorizzava, infatti, «vendita di pentoli, tegami, piatti, boccie, bicchieri, stoviglie di ogni sorta, zolfanelli, fiammiferi, esce, stacci, mestoli, romaioli» (ASCE, Regolamenti comunali 1). Leggi tutto

Facebooktwittergoogle_plusby feather

Appena uscito il nuovo numero di «Quaderni d’archivio. Rivista dell’Associazione Amici dell’Archivio storico di Empoli»

Facebooktwittergoogle_plusby feather

invito grande guerraFresco di stampa!

È uscito il V° numero (2015) di «Quaderni d’archivio. Rivista dell’Associazione Amici dell’Archivio storico di Empoli», che dedica a La Grande Guerra in una piccola città la parte monografica

Il periodico è sicuramente uno degli obiettivi più importanti dell’Associazione, perché si presenta al lettore con un taglio “amico”. Non occorre essere addetti ai lavori, anche se è bandita l’improvvisazione ed è comunque il risultato di ricerche e approfondimenti. Leggi tutto

Facebooktwittergoogle_plusby feather

Un archivio empolese più “aperto” agli utenti e ai ricercatori

Facebooktwittergoogle_plusby feather
opera di S. Andrea
Foto tratta dal volume “Sant’Andrea a Empoli”, Cassa di Risparmio di Firenze, 1994

È stato da breve ultimato un intervento di ricognizione e riordino dell’archivio storico della Collegiata di Empoli, condotto in collaborazione da personale dell’Archivio storico comunale, dall’ Associazione “Amici dell’archivio storico di Empoli” e da Lorenzo Ancillotti, responsabile dell’archivio stesso, per incarico del proposto, don Guido Engels.

Si è proceduto in questa occasione alla verifica, correzione e integrazione dell’inventario, redatto negli anni Novanta dalla dott.ssa Sara Piccolo, e poi all’etichettatura dei pezzi e al loro riordino fisico sugli scaffali.

I vari fondi che compongono l’archivio (Capitolo della Pieve di Sant’Andrea, Opera di Sant’Andrea, Parrocchia, Compagnie religiose e fondi vari) sono ora più facilmente accessibili e consultabili, mentre l’archivio, nel suo complesso, risulta più leggibile nella sua struttura e stratificazione. Leggi tutto

Facebooktwittergoogle_plusby feather

Via San Francesco

Facebooktwittergoogle_plusby feather
Via San Francesco
Via San Francesco

Passeggiando nel ‘giro d’Empoli’ passa quasi inosservata la piccola via San Francesco, sulla quale si affacciano le vetrine di alcuni negozi del centro. Il vicolo permette di raggiungere facilmente uno degli ingressi laterali della Collegiata di S. Andrea da via del Giglio, quello in corrispondenza della cappella di San Lorenzo nel transetto della chiesa (ASCE, Misc. U.T. 41/5, «Elenco delle strade comunali …», 23 marzo 1868: Via S. Francesco, «dalla via del Giglio alla Porta della Collegiata»). Leggi tutto

Facebooktwittergoogle_plusby feather

Via del Gelsomino

Facebooktwittergoogle_plusby feather
Foto centro Empoli 007
Via del Gelsomino

L’odierna via del Gelsomino, meglio nota agli empolesi come via dei Forni, permette di abbreviare il nostro caratteristico ‘giro d’Empoli’ mettendo in diretta comunicazione via Giuseppe Del Papa con via del Giglio. Si tratta ancora oggi di una stradina piuttosto stretta e poco illuminata, che delimita un isolato comprendente le abitazioni che si affacciano sulla più nobile via Ridolfi.

Fino ai primi anni dell’Ottocento la strada era denominata via di Malacucina

Facebooktwittergoogle_plusby feather