Al MUVE i musei del vetro di Toscana, Umbria e Liguria fanno rete

Facebooktwitterby feather

Museo_del_cristallo_Colle[1]
Colle V/E, Museo del Cristallo
Vetrina_Gambassi[1]
Gambassi Terme, mostra permanente della produzione vetraria (sec. XII-XVI)
La mattina di sabato prossimo, 9 aprile, presso il Museo del Vetro di Empoli si terrà un incontro di lavoro cui sono stati invitate alcune importanti istituzioni museali toscane impegnate nell’opera di salvaguardia e diffusione della memoria della locale lavorazione del vetro, quali appunto il Museo del Vetro di Empoli, la mostra permanente della produzione vetraria a Gambassi (sec. XIII-XVI), che proprio nel pomeriggio di sabato inaugurerà un nuovo spazio espositivo, e il Museo del Cristallo di Colle Val d’Elsa. A questi si aggiungono il Museo del Vetro di Piegaro (Pg), piccolo centro dell’Umbria che vanta un’antica tradizione di produzione di vetri di uso comune affiancata, come a Empoli, dall’attività di vestizione, e il Museo dell’arte vetraria altarese di Altare (Sv) in Liguria depositario di una ricca collezione di vetri sia di uso comune che artistici, dal XVII al XX secolo.

Sede_museo_Altare_[1]
Altare (Sv), Museo dell’arte vetraria altarese
Si tratta di realtà accomunate da antichi legami con il nostro territorio: nel corso del XV secolo maestranze gambassine e montaionesi migrano verso il medio Valdarno impiantando nuovi centri di produzione vetraria. In anni più vicini a noi, vetrai colligiani e umbri sono attivi nelle industrie empolesi contribuendo, tra l’altro, alla diffusione della lavorazione del vetro bianco e mezzo cristallo in una zona, come quella di Empoli, altrimenti specializzata nella produzione di oggetti in vetro verde.

L’iniziativa, organizzata dagli Amici del Muve con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale e la collaborazione del Consorzio Centrovetro di Empoli, è stata preceduta da un incontro che si tenne al Museo di Piegaro lo scorso ottobre a cui partecipò Stefania Viti, Presidente dell’Associazione.

Sede_museo_Piegaro[1]
Piegaro (Pg), Museo del Vetro
I partecipanti si confronteranno sulla opportunità di costituire una rete tra quei Musei del vetro che sono interessati ad individuare opportunità di scambio e forme di collaborazione che facciano crescere l’interesse e la fruizione delle varie strutture museali.

Dopo i saluti dell’Assessore alla cultura Eleonora Caponi e del Presidente del Consorzio Centrovetro di Empoli Marco Costoli, la prof. G. Carla Romby dell’Università di Firenze introdurrà la discussione tra i rappresentanti dei Musei del vetro. L’obiettivo: collegare tra loro musei tutti legati all’attività vetraria, ma diversi sotto molti aspetti, ed elaborare progetti di rete per potenziare il richiamo culturale e turistico delle singole realtà.

Facebooktwitterby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.